Salute ed Energia

Perché sei sempre stanco? (E cosa puoi fare per sentirti meglio)

sempre-stanco

Hai sentito parlare del sentirsi sempre stanchi e scarichi? Magari lo stai vivendo in prima persona?

Avere zero voglia di fare le cose, vivere in simbiosi col divano, l’incertezza di essere ancora vivi?

Con il Covid questa condizione sembra anche peggiorata, vero?

Ci sono passato anche io.

Non è una stanchezza naturale, che ha tutto un altro effetto su di noi. 

Lo stato di spossatezza di cui parlo è uno stato debilitante. Non ci permette di essere efficienti o di godere a pieno della vita. Quando stiamo così non riusciamo a fare le cose come vorremmo. Siamo sfasati, sfiduciati, demotivati e delusi da noi stessi.

Nessuno ama veramente sentirsi così. 

Tutto questo è l’effetto di alcune macro cause che possiamo risolvere con un po’ di impegno. 

Parliamo di una stanchezza innaturale

Non parlerò in questo articolo della sindrome della stanchezza cronica. Per questo devi rivolgerti a dottori esperti in questo campo.

Qui parleremo di problematiche più lievi anche se limitanti.

Tutto l’articolo ti parla di queste pratiche per recuperare vitalità ed energia:

  • Dormire meglio e più profondamente
  • Muoverci di più ogni giorno
  • Nutrirci con cibi più sani
  • Imparare ad avere relazioni più affettuose e sane, vivere in maniera più genuina lontano da smartphone, social e app
  • Stimolarci con forme d’arte, con giochi, attività appaganti

Quali sono le cause della stanchezza fisica?

Sotto l’aspetto fisico, le cause sono di solito dovute a:

  • mancanza di sonno ristoratore
  • alimentazione non nutriente (piena di zucchero raffinato, calorie che non sfamano, cibo industriale e cibo spazzatura)
  • mancanza di movimento e mancanza di appagamento

Insomma parliamo di cause che riguardano “abitudini poco salutari”.

Dormire bene è la chiave della nostra salute. Come si fa a dormire bene?

Uno dei fondamenti della nostra salute è senza dubbio il sonno ristoratore. Parlo dell’alzarsi dal letto sentendosi rigenerati, freschi, con quel pizzico di ottimismo che non guasta mai.

Di solito chi dorme bene si alza anche di buonumore.

Dormiamo male perché  sovrastimolati da cose innaturali: abbassiamo gli stimoli artificiali: 

L’uso massiccio che facciamo degli smartphone, una vita sempre più frenetica e sterile, e l’essere colpiti da raffiche di annunci pubblicitari, fanno parte di uno stile di vita che sta inquinando ogni angolo della società in cui viviamo. E di conseguenza sta rovinando le nostre vite.

Un tempo ritrovavamo noi stessi in pratiche legate alle forme d’arte, allo stare insieme attivamente raccontandosi e confidandosi, all’apprendere cose nuove.

amici intorno al fuoco

Ora, invece, ci ritroviamo incastrati in un percorso fatto di mancanza continua di tempo, ansia, insoddisfazione, dipendenza dall’uso dei social e degli smartphone, e dell’acquisto compulsivo.

La società che prima ci aiutava a sentirci parte di qualcosa di vivo, coeso, e forse anche di un progetto, si è disgregata ma senza sciogliersi del tutto.

Si sono deteriorati i legami umani e affettivi, il che ci spinge verso pratiche artificiali quali l’eccessiva voglia di apparire e ostentare, di prevaricare, di comprare. Siamo portati ad interessarci a cose futili (come le vite degli influencer o dei partecipanti ai reality, come ricoprire le nostre facce di trucco o come avere una barba folta e morbida).

Perché sono futili? Perché non ci rendono davvero felici di esistere.

Tutto questo, unito a una mancanza di stimoli profondi di qualità, con la sedentarietà, e l’alimentazione inadeguata, ci porta -per adattamento- a diminuire la vitalità del nostro sistema mente-corpo-spirito.

Ci ritroviamo inconsapevolmente a vivere da pigri, perché tutto dentro di noi e intorno a noi è privo di energia.

Ci ritroviamo inconsapevolmente a vivere da pigri, perché tutto dentro di noi e intorno a noi è privo di energia.

Il sentirci stanchi è il risultato di tutte quelle attività e abitudini poco energetiche (e poco edificanti) che fanno parte del nostro stile di vita attuale. 

È uno stile di vita che, bene o male, tende ad entrarci dentro, sottopelle, e a cambiarci inconsapevolmente. Ne ho parlato in riferimento all società come organismo vivente, che ci usa per perpetuare sé stessa e le sue regole.

Il 90% delle persone sottovaluta gli effetti della sovrastimolazione da social, della separazione sociale, e della potenza dei messaggi pubblicitari, cose che danneggiano in maniera importante tutto il nostro equilibrio di mente-corpo-spirito.

Sur-Fake di Antoine Geiger

Sur-Fake di Antoine Geiger

Cosa c’entra il sonno in tutto questo?

Prova ad immaginare come ti sentiresti se, per un giorno intero, mentre stai per addormentarti, qualcuno ti urlasse di svegliarti, che c’è un pericolo, che c’è un’emergenza, che devi acquistare qualcosa di cui non hai per niente bisogno.

E immagina se quel qualcuno fosse un esperto nel far scattare la tua curiosità. Non puoi prendere sonno, non puoi riposarti, non puoi allentare la presa.

Sei sempre più allertato/a e attratto da cose che non ti riguardano, che non sono realmente minacce o cose vitali.

Sai che fa il tuo corpo per aiutarti con lo stress? Inizia a pomparti cortisolo e adrenalina per tenerti all’erta, sopportare lo stress e combattere le difficoltà (per questo sotto stress tendiamo ad ingrassare: il cortisolo, letteralmente, ci gonfia e ci fa ingrassare). 

È un circolo vizioso in cui non riposiamo bene e siamo in uno stato di tensione e di perenne allerta. È un meccanismo che ci ha fatti sopravvivere come specie da molto tempo.

Nella nostra realtà siamo immersi in qualcosa di molto simile. Veniamo continuamente allertati da stimoli digitali (notifiche, allarmi sonori, titoli acchiappa-click, passaparola di persone tossiche) che inquinano la nostra serenità ed il nostro riposo profondo.

Tra l’altro gli schermi di smartphone e tablet rilasciano luce di un certo tipo che non fa altro che dire al nostro sistema nervoso di rimanere sveglio e vigile. 

Dormiamo male e non recuperiamo energie.

Il giorno aver dormito male, di solito, cosa facciamo? Beviamo una gran quantità di caffè per rimanere svegli con altrettanto zucchero bianco.

Ne beviamo talmente tanto che la notte non riusciamo a prendere sonno. Un circolo vizioso che ci demolisce un giorno alla volta.

Un sonno ristoratore, invece, è in grado di.

Da dove cominciare per risolvere il senso di stanchezza e pigrizia legata alla mancanza di sonno ristoratore?

Abbiamo bisogno di prenderci cura del nostro sonno, così come ci prenderemmo cura di un animaletto domestico nei suoi primi giorni di vita.

Finché non riprendiamo a sentici vitali e motivati, avremo bisogno di prestare attenzione alle nostre abitudini poco salutari. 

Finché non riprendiamo a sentici vitali e motivati, avremo bisogno di prestare attenzione alle nostre abitudini poco salutari. 

In sintesi, per migliorare la stanchezza fisica e dormire profondamente, hai bisogno di:

  • staccarti dagli schermi almeno 2 ore prima di andare a dormire
  • evitare stimoli ansiogeni, negativi, caotici poche ore prima di dormire
  • smettere di bere caffè (e bibite stimolanti come gli energy drinks) almeno 8-9 ore prima di andare a dormire. Meglio impostare un orario massimo entro cui bere caffè. Il mio sono le 14. Dopo quell’ora o decaffeinato o niente.
  • andare a dormire prima del solito (ci riesci con un po’ di pratica, svegliandoti anche prima). Non rimanere sveglio/a a oltranza
  • dormire almeno 7-8 ore e rispettando i cicli del sonno (te ne parlerò in un altro articolo)
  • dormire in un ambiente accogliente (pulito, ordinato, silenzioso e oscurato). Un luogo che ti faccia sentire protetto/a, semplice, rigenerante. 

Per spazzare via la stanchezza, devi muoverti di più, e se possibile all’aria aperta 

Pensi anche tu che evitando di muoverti sia come recuperare le energie?

Lo pensavo anche io, poi sono venuto a conoscenza di un meccanismo (tanto perfetto quanto perverso) chiamato “metabolismo“.

Il metabolismo, nella maggior parte dei casi, è volto al risparmio e accumulo energetico (anche sotto forma di grasso). Cioè, il metabolismo, meno fai meno energia ti mette a disposizione. E stipa tutto l’eccesso sui tuoi fianchi e sui tuoi glutei.

Il metabolismo funziona nel maggior parte dei casi per risparmiare energia e accumularne (anche sotto forma di grasso).

La sedentarietà, e le sensazioni tossiche a cui siamo soggetti ancora di più in tempo di Covid, rallentano il nostro metabolismo, un meccanismo che fa del risparmio energetico la sua priorità.

Per questo ci sentiamo sempre più stanchi.

L’attività fisica fatta in maniera sana perciò ci aiuta a sentirci più attivi e ad aver accesso a molta più energia.


Qualche articolo interessante per avvicinarti all’attività fisica che preferisco, quella ad alta intensità:


Per attività fisica vanno bene anche le lunghe passeggiate e il mantenersi attivi durante tutto l’arco della giornata.

Inoltre, rimanere in casa per molto più tempo non ci permette di esporci al sole e di sintetizzare vitamina D. La mancanza di Vitamina D porta a effetti disastrosi.

Cosa fare per rimediare alla mancanza di movimento?

Trova il modo, ogni giorno, di passeggiare dai 30-60 minuti, e magari di fare le scale se possibile, o portare dei pesi (come le buste della spesa). Più occasioni abbiamo di muoverci e lavorare con delle resistenze, meglio è.

Ti stupirebbe sapere quanti movimenti funzionali fatti in palestra ricalcano situazioni reali della vita quotidiana. Portare le buste della spesa ad esempio equivale senza dubbio all’esercizio chiamato “Farmer Walk” (lo vedi qui sotto).

 

 

Alcuni, per mantenersi attivi, si organizzano con gli stand up desk per lavorare al PC, scrivanie che ti permettono di lavorare stando sempre in piedi. Un’ottima soluzione per la sedentarietà! 

Stand Up Desk, per mantenersi attivi durante le ore di lavoro

Ci possiamo allenare ad alta intensità anche stando a casa in pochi metri quadrati con esercizi come squat, mountain climbers, kettlebell swing (e se non avete una kettlebell ma avete dei dischi di ghisa leggete questo articolo), jumping jacks ed altri ancora. 15 minuti, 2-3 volte a settimana in modalità HIIT saranno sufficienti per mantenere alto il nostro livello energetico.

Se proprio non vuoi o non riesci a programmarti degli allenamenti, utilizza uno dei movimenti metabolici fatto a determinati orari. Ad esempio, ogni 2 ore fai 10 squat (con o senza pesi) o 50 jumping jacks o 20 mountain climbers.

Questo ti aiuterà a rimanere su un certo livello fisico energetico.

In sintesi, per migliorare la stanchezza fisica dovuta alla mancanza di movimento, puoi:

  • Camminare 30-60min al giorno, fare le scale, portare pesi
  • Allenarti ad alta intensità
  • Incrementare movimenti metabolici nella tua giornata. Ogni ora puoi fare 10 squat o 20 mountain climbers o 50 jumping jacks, e rimanere ad un livello energetico più alto

Come ti nutri? Per eliminare la stanchezza fisica hai bisogno di cibo nutriente

Parlare di alimentazione sana non è mai facile. Ci sono tantissime scuole di pensiero, tantissime tradizioni culinarie, tantissime intolleranze, e tantissime mode.

Per cercare di essere sintetico direi che, il cibo più nutriente, è quello che è più vicino all’essere vivo, naturale, semplice. Quindi non lavorato, non stracotto, non artificiale. 

Il cibo più nutriente è quello che è più vicino all’essere vivo, naturale, semplice

I cibi industriali sono poveri di sostanze nutritive, per questo è meglio cucinarsi da soli i pasti, con cotture che non alterino o distruggano la parte migliore del cibo. 

Non è necessario essere drastici, ma essere consapevoli che si vuole migliorare la propria condizione fisica, bisogna intraprendere dei cambiamenti e seguire una transizione delicata verso un’alimentazione più naturale.


Qualche articolo interessante per avvicinarti ad un’alimentazione più sana:


Piccoli stratagemmi per imparare a mangiare più sano

Inizia col far sparire dalla credenza tutto il cibo basato sullo zucchero raffinato, che sia solido o liquido. E così tutto lo junk food. Contemporaneamente, fai in modo di avere sempre alternative valide per gli attacchi di fame e punta sempre a quelle. Ti devi disintossicare, quindi all’inizio servirà la tua volontà.

Hai bisogno poi di idratarti costantemente: questa è una cosa che ci dimentichiamo spesso di fare. L’acqua interviene in moltissimi processi fisici e fa letteralmente funzionare bene ogni singola parte del nostro corpo, mente compresa. Ecco perché, chi beve poco, lamenta anche offuscamento mentale e spossatezza.

Ci sono app che ti aiutano a ricordartene. Io le uso per bere ogni due ore e fare movimenti metabolici.

In sintesi, per migliorare la stanchezza fisica dovuta all’alimentazione, puoi:


Stai considerando la stanchezza mentale?

Sai che la mente non si stanca mai se si sta divertendo ed è focalizzata? Ti faccio qualche esempio.

Quando eravamo bambini (o in particolari occasioni) quante volte ti capitava di sentirti stanco? Giocavi per ore e ore senza sosta, inventando nuove avventure, ed esplorando mondi di fantasia. 

bambini giocano a pallone

Hai mai letto un libro così avvincente ed interessante che lo hai divorato in pochi giorni? Forse ti è capitato con qualche serie TV su Netflix.

La mente si stanca o smette di voler essere attenta quando non è interessata a ciò che le si presenta davanti. Per questo gli esperti di marketing e comunicazione fanno a gara per capire cosa attiri la mente, e sperimentano immagini, suoni, parole, per tenerci incollati agli schermi e farci comprare.

E direi che in larga parte ci riescono molto bene, purtroppo per le nostre tasche e la nostra salute.

Se non usi la mente in maniera costruttiva questa non lavora bene, diventa pigra. Stessa cosa se la stimoli con cose superficiali e poco edificanti.

Molti pensano di poter continuare a “nutrire” la propria mente con post di personaggi trash, con reality in cui si litiga, si fuma, si passano le ore senza far nulla (nei reality non vedrai mai qualcuno che legge o scrive).

Ormai i media sono invasi da conduttori blandi, contenuti superficiali, informazioni scontate. Programmi in cui il concorrente deve rispondere a domande come: “inizia con la M, la usi al mattino per fare il caffè”, con tanto di scroscio di applausi per aver risposto bene.

Tutto questo ha, su di noi, un certo effetto. Abbassa notevolmente le potenzialità delle nostre menti perché, come esseri umani, diventiamo ciò con cui veniamo più a contatto e che assorbiamo di più.

Come esseri umani, diventiamo ciò con cui veniamo più a contatto e che assorbiamo di più.

Hai mai visto bambini molto piccoli parlare come adulti? E poi quelli che parlano secondo la loro età?

Come è possibile che certi bambini parlino in modi tanto differenti? Ovviamente, è l’influenza dei genitori e della famiglia.

I bambini non imparano una lingua studiando la grammatica, assorbono le lingue che ascoltano e con cui interagiscono intorno a loro. 

E le nostre menti sono identiche, hanno questa potenzialità di assorbire tutto. Che è anche uno dei nostri punti deboli.

Se assorbiamo quello in cui “siamo immersi”, tendiamo anche a divenirlo.

Quindi, se ti senti sempre stanco è perché stai facendo -o sei immerso in- cose poco stimolanti/edificanti/poco elaborate/poco ispiranti.

In sintesi, per migliorare la stanchezza mentale, puoi:


Quanto è pigra la tua anima?

Esiste un’anima stanca, demotivata? 

Gli esperti di discipline e pratiche spirituali dicono che l’anima non è mai realmente stanca, o arrabbiata, o delusa. L’ego e le sue sovrastrutture ci fanno sentire così e ci convincono di questo.

Ma l’anima è “infinita”, ed esiste al di là del tempo e dello spazio, al di là di ciò che stiamo vivendo. Un’anima realmente presente (o una riconnessione reale con la propria anima) equivale all’essere pervasi da una sensazione di calma, di fiducia, di saggezza, di unità col tutto.

In una parola: l’illuminazione.

stelle anima

Non si tratta perciò di curare l’anima stanca, quanto di riportarla alla luce, nutrirla, farla respirare. Si tratta di riconnetterci con lei spazzando via pensieri non veri, opinioni negative, rancori, traumi. 

Di certo non è facile, e come dice una imprenditrice nel ramo della formazione e della spiritualità con cui collaboro e che stimo molto, “se tutti fossero capaci di essere felici e realizzati, noi non lavoreremmo”. 

E lo vedo con i miei occhi ogni giorno.

Cosa ci riconnette con la nostra anima?

Attività che ci aiutano a sollevare la nostra anima da varie sovrastrutture depotenzianti, sono le attività che non richiedono l’uso di ciò che “già sappiamo” o “di cui siamo convinti”. Tutto ciò che “stacca” l’afflusso di rancori, delusioni, arrabbiature e aspettative negative.

Un esempio è l’uso della creatività libera da confini.

Possiamo utilizzarla in qualunque momento: per giocare, inventare storie, dipingere, danzare, fingere di vivere un’avventura (che è quello che avviene quando vediamo un film e ci immedesimiamo nel protagonista).

C’è la meditazione, l’uso delle pagine del mattino come “scarico dei pensieri accumulati”, lo yoga e la respirazione, il prendersi cura di qualcuno o a qualcosa.

Un esercizio molto utile è quello che ti aiuta a sviluppare empatia per gli altri. Si tratta di immedesimarsi nelle situazioni che sta vivendo qualcun altro (o che ha sperimentato) e provare a comprendere il perché facciano determinate scelte.

Il percorso spirituale è un passo necessario per star bene

Il lavoro interiore è sicuramente uno dei più affascinanti e impegnativi, ed allo stesso tempo credo sia uno dei più necessari a dare significato alle nostre esistenze.


Qualche articolo che può esserti utile per approfondire questi temi:


Molto spesso mi capita di conoscere persone con un bassissimo livello di sviluppo interiore e vedere quanto facciano del male a sé stessi e agli altri, pensando di stare conquistando chissà quale traguardo. In realtà si stanno autodistruggendo.

In sintesi, per migliorare la stanchezza spirituale ed iniziare a vivere più serenamente, hai bisogno di:

  • meditare con costanza, fare yoga, imparare a praticare la respirazione profonda
  • leggere biografie di personaggi e autori spirituali, studiare i testi sacri, leggere di autori compassionevoli e saggi
  • prendersi cura di qualcuno più sfortunato di noi senza chiedere nulla in cambio
  • tenere un diario di gratitudine in cui esercitarsi a vedere il bello e l’abbondanza nelle nostre vite e a ringraziare per quello (un po’ come si fa per l’esercizio del Manifesting 3-6-9 per realizzare i propri desideri)
  • far pace con noi stessi, con chi ci ha fatto del male, perdonare il più possibile, trarre il massimo insegnamento e beneficio da ogni esperienza vissuta (così che, anche le ferite, ci donino qualcosa di positivo)

Inizia ora a sentirti meno stanco:
5 passi per iniziare subito a sentirsi meno stanchi e più vitali

Piccoli consigli pratici per metterti subito in azione nei prossimi 15 giorni:

  1. evita lo zucchero bianco raffinato in ogni sua forma (e trova valide alternative)
  2. fai una passeggiata di 30 minuti ogni giorno, e se ti va 10 squat al mattino, dopo pranzo e alla sera
  3. leggi 5 pagine al giorno di un libro edificante come la biografia di qualche maestro spirituale
  4. ogni mattina scrivi 5 cose di cui sei felicemente grato/a e scrivi di getto 1 pagina di pensieri che ti vengono in mente (quando hai finito strappala e buttala via, non rileggerla)
  5. ogni giorno prova qualcosa di diverso, un cibo, una bevanda, due chiacchiere con un estraneo

Metti subito in pratica una o più strategie di quelle che ti ho elencato e riconquista uno stato energetico ottimale! Fammi sapere se ti sentirai meglio, meno stanco, più attivo e vitale!

Dopo questo le persone hanno letto...
Raggiungere il SuccessoSalute ed EnergiaStrumenti e Abilità

Come ottenere chiarezza mentale ed aumentare la produttività

Allenamento

Lo Sprint Interval Training brucia più grasso dell'HIIT (la scienza conferma)

Crescita Interiore

Esci dal labirinto dei blocchi emozionali (esercizio)

Alimentazione

Le migliori fonti di fibre naturali per rafforzare il tuo sistema immunitario

Ricevi aggiornamenti...
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x